Cpr di Palazzo San Gervasio, la Guantanamo d’Italia: Stupri, Isis e droga Da inizio anno record di violenze nel centro per migranti

in Italia/Le Brevi
CPR di Palazzo San Gervasio

Il Cpr di Palazzo San Gervasio (Potenza) è una vergogna tutta italiana che riflette perfettamente l’assurdità con cui il nostro Paese ha affrontato finora l’«emergenza migranti», foderandola di quel buonismo peloso che ha creato i presupposti dell’attuale situazione di collasso.

L’attuale ministro dell’Interno sta tentando, faticosamente, di invertire la rotta; ma farlo è impresa ardua: tante e tali sono le stratificazioni populistico-demagogiche del passato. Intanto la realtà infernale del Cpr lucano spinge oggi perfino la sinistra e la galassia arcobaleno dell’associazionismo (cosiddetto) umanitario a reclamare la chiusura di questa specie di «Guantanamo» riservata agli stranieri da rispedire nei loro paesi d’origine.


Tra i 97 ospiti del Centro di permanenza per il rimpatrio di Palazzo San Gervasio (paese con poco meno di 5mila abitanti), l’80% sono di nazionalità tunisina: molti di loro hanno commesso su suolo italiano gravi reati, per di più con lo status di clandestini. Gente di cui liberarsi al più presto, ma che da noi non sarebbe mai dovuti arrivare.

E invece ci sono arrivati, eccome. Con un’unica intenzione: delinquere. Attività che continuano a svolgere anche nel centro in cui sono rinchiusi e dove le condizioni di vita sono indecenti. Ma il dramma è che di questo degrado finiscono con il portare i segni anche i poliziotti e gli operatori impegnati all’interno della struttura nel mantenere un minimo di ordine e disciplina. Ma quel «minimo» non basta. Non può bastare. Lo ha capito bene il segretario generale del S.pp (Sindacato polizia penitenziaria), Aldo Di Giacomo, che in una lettera aperta al ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e al prefetto di Potenza, Giovanna Cagliostro, ha sollecitato l’intervento dell’Esercito per meglio presidiare il Cpr lucano: ormai un’enclave dell’illegalità dove lo Stato sembra aver abbandonato a se stessi i poliziotti che lì rischiano ogni giorno la vita in un contesto che definire pericoloso è poco.

Il Cpr di Palazzo San Gervasio è infatti una bomba innescata che potrebbe esplodere da un momento all’altro. Con conseguenze di inaudita gravità. Le massime istituzioni politiche lucane (compresi senatori e deputati di vario colore eletti in Basilicata) preferiscono girare invece la faccia dall’altro lato, continuando a occuparsi solo dei propri orticelli elettorali. Molto più facile (e comodo) coltivale le rispettive clientele che sporcarsi le mani con il fango del Cpr potentino. Un fango che monta sempre di più, se è vero com’è vero che dall’inizio dell’anno la «Guantanamo» alle porte di Palazzo San Gervasio è stato teatro di arresti e denunce per una gamma di pesantissimi reati che vanno dallo stupro allo spaccio di droga, dal terrorismo alle violenze fisiche e verbali.

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE LEGGI QUI


Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Vai a Inizio pagina