coca cola costa caffe'

Coca-Cola compra la catena di caffè Costa per $ 5,1 miliardi

in Economia Estera
coca cola costa caffe'
coca cola costa caffe’

Coca-Cola ha dichiarato di aver accettato di acquistare la catena internazionale di caffè Costa dal suo proprietario britannico Whitbread, in un accordo che conferisce alle bevande il suo primo marchio globale di caffè.
“Le bevande calde sono uno dei pochi segmenti rimanenti del panorama delle bevande in cui Coca-Cola non ha un marchio globale. Costa ci dà accesso a questo mercato attraverso una solida piattaforma di caffè “, ha dichiarato James Quincey, amministratore delegato di Coca-Cola, in una dichiarazione congiunta.
L’accordo per 3,9 miliardi di sterline (5,1 miliardi di dollari, 4,3 miliardi di euro) è dovuto alla domanda da parte dei consumatori di bevande gassate convenzionali che si restringono negli Stati Uniti e in altri mercati a causa di problemi di salute e obesità.
All’inizio di agosto, la rivale di Coca-Cola PepsiCo. ha raggiunto un accordo per acquistare la società israeliana SodaStream per $ 3,2 miliardi – in un campo per i consumatori preoccupati di montare rifiuti da bibite e plastica nelle discariche di tutto il mondo.
SodaStream produce macchine che carbonizzano l’acqua del rubinetto di casa.
L’acquisto di Coca-Cola si aggiunge al suo marchio di caffè Georgia in Giappone e ai prodotti caffè del gruppo statunitense in altri paesi.
“Costa fornisce anche Coca-Cola con una forte esperienza nella catena di approvvigionamento del caffè, tra cui approvvigionamento, distribuzione e distribuzione”, ha aggiunto il gigante delle bevande analcoliche.

Coca-Cola spera di chiudere l’accordo nella prima metà del prossimo anno, in base all’approvazione degli azionisti e delle normative.
L’annuncio arriva tre giorni dopo che Nestle, la casa produttrice di Nespresso, ha dichiarato di aver siglato un accordo per commercializzare i prodotti del gigante statunitense del caffè Starbucks in tutto il mondo, al di fuori dei suoi caffè.
In seguito alle pressioni degli azionisti attivisti, Whitbread ha rivelato ad aprile che avrebbe fatto partire Costa, lasciandolo concentrare sulla catena alberghiera Premier Inn.
Whitbread è stato costretto ad agire dopo che il gruppo statunitense Elliott è diventato il suo maggiore azionista con una quota del sei percento.

A.C.

Ultime da Economia Estera

Vai a Inizio pagina