Il gene che rigenera il cuore dopo un infarto

in Salute
Laboratorio di Cardiologia dell’ Università Magna Graecia, Catanzaro scoperto un gene che aiuta le cellule staminali del cuore a rigenerarsi dopo un attacco cardiaco

 

Un gene che rigenera il cuore dopo un infarto

Mio padre circa un anno fa ha avuto un attacco cardiaco. Stavamo pranzando, la sua faccia è diventata scurissima, non parlava, la lingua all’infuori… Ho avuto paura, smarrimento. Il cuore di papà si era (temporaneamente) fermato. Poi tutto è andato bene, grazie alla medicina che gli ha dato mia madre, grazie al tempestivo intervento del 118, grazie a Dio. Ora, grazie invece ai ricercatori –Dio li benedica: ripeto il Suo nome, visto che già l’ho pronunciato invano- del Laboratorio di Cardiologia dell’ Università Magna Graecia, Catanzaro, è stato scoperto un gene che aiuta le cellule staminali del cuore a rigenerarsi dopo un attacco cardiaco, prevenendo e curando lo scompenso.

Una notizia che meriterebbe le prime pagine dei giornali e i titoloni dei telegiornali e chiunque abbia vissuto il quasi fine vita o chiunque lo ci si fosse affacciato, terrorizzato dalle vertigini del vedere morire una persona che ami e poi, una volta ancora in vita condividerne l’ancora più difficile quotidianità, allora questa scoperta, pubblicata sulla rivista Nature è vitale. Infatti questa ricerca ha dimostrato per la prima volta che una ridotta espressione di un gene, c-kit, conosciuto anche come recettore delle cellule staminali, diminuisce il potenziale biologico rigenerativo delle cellule staminali cardiache, riducendo la capacità riparatrice del cuore, che dopo un danno inesorabilmente progredisce nello scompenso cardiaco.

La cardiopatia ischemica e lo scompenso cardiaco sono la prima cause di morte e di ospedalizzazione nel mondo occidentale. La medicina rigenerativa in Cardiologia negli ultimi tempi ha raggiunto tappe importanti dalla scoperta della capacità rigenerativa intrinseca del cuore fino alla prima sperimentazione clinica delle cellule staminali cardiache.

C.P.

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Salute

Vai a Inizio pagina