Sisma in Indonesia: il numero dei morti sale a 347 morti

in Esteri

 

 

Indonesia continua a tremare e a far tremare: è salito a 347 il bilancio dei morti del terremoto di magnitudo 6,9

20mila persone hanno ancora bisogno di assistenza, e che l’80 per cento degli edifici erano stati distrutti

Il suolo dell’Indonesia continua a tremare e a far tremare: è salito a 347 il bilancio dei morti del terremoto di magnitudo 6,9 che ha colpito l’isola di Lombok domenica sera. Lo ha scritto l’agenzia di stampa statale indonesiana Antara, citando un rapporto dei leader dei distretti colpiti nel nord dell’isola consegnato alla sezione regionale dell’Agenzia nazionale per i disastri. Il distretto più colpito è quello di Kayangan, con 171 morti. Tra i morti non sono segnalati stranieri.

Nei distretti di Pemenang, Gangga e Tanjung si sono registrati tra i 57 e i 54 morti. Più leggero il bilancio nel distretto di Bayan, con 11 vittime.

È salito anche il numero dei feriti e delle persone la cui casa è crollata o è stata seriamente danneggiata. I feriti sono ora 1.447, mentre gli sfollati sono 165mila. Lo ha annunciato il portavoce dell’Agenzia nazionale per la gestione dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho.

Ieri il governo aveva stimato che 20mila persone avevano ancora bisogno di assistenza, e che l’80 per cento degli edifici erano stati distrutti. Tutto il mondo è vicino all’Indonesia. La tragedia delle conseguenze di ogni terremoto è purtroppo vissuta da tutto il globo. Ricordate L’Aquila?

C.P.

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina