Batterio Legionella

LA LEGIONELLA : sintomi, cause e cure.

in Salute
leggionella
goccioline inalate

Nuovi casi di legionella in Italia come riconoscerla e curarla.

La legionella è un batterio di cui si sente parlare poco ma che ogni tanto torna alla
ribalta in quanto si accendono dei nuovi focolai. È quello che sta accadendo in
questo ultimo periodo . Col termine legionella sono indicate tutte le forme di
infezione causate da varie specie di batteri gram-negativi aerobi .
Fino ad oggi, sono state identificate più di 40 specie di questi batteri: la
pneumophila è la specie più pericolosa e ad essa sono imputati più del 90% dei
casi di legionellosi.

Le due forme di legionella.

La febbre di Pontiac e la malattia del Legionario.
la febbre di Pontiac
si manifesta dopo un periodo di incubazione variabile da 1 a 2 giorni, ed è
caratterizzata da una forte febbre, dolori muscolari, mal di testa e a volte da disturbi
intestinali.
Non c’è polmonite, anche se in alcuni casi è presente la tosse. Questa forma di
legionellosi è spesso scambiata per una normale influenza.
Può non richiedere terapia antibiotica, né ricovero in ospedale.
la malattia del Legionario
si manifesta dopo un periodo di incubazione variabile da 2 a 10 giorni . Può
comportare: febbre elevata, dolori muscolari, diarrea, mal di testa, dolori al
torace, tosse generalmente secca (ma può essere anche purulenta), insufficienza
renale, confusione mentale, disorientamento e letargia.

La malattia si trasmette inalando goccioline di acqua infetta dal batterio, e
dunque non da persona a persona né bevendo acqua contaminata. Una volta
entrato nel corpo attraverso le vie aeree, il microrganismo può penetrare e
proliferare nei polmoni. Ecco perché particolarmente pericolose sono le docce
ma anche l’aria che si respira in ambienti dove sono attivi dei condizionatori o
umidificatori, gli spruzzi di irrigatori da giardino, fontane, strumenti dentistici, vasche
idromassaggio, ecc.

C.N.

Ultime da Salute

Vai a Inizio pagina