Fisco, stretta sulle cartelle esattoriali: prescrizione a dieci anni

in Le Brevi

Fine pena, mai. Il governo alle prese con la costruzione della legge di Bilancio progetta una nuova stretta contro gli evasori fiscali. Nel pacchetto di norme anti-frodi potrebbe trovare posto un allungamento dei termini di prescrizione delle cartelle esattoriali affidate all’Agenzia della riscossione. Una iniziativa che, ovviamente, avrebbe una ricaduta pesante sui contribuenti morosi colpiti da strumenti pesanti come i pignoramenti e ipoteche. L’ipotesi che si fa strada è di portare a 10 anni (come già previsto per l’Irpef) i tempi di prescrizione per tutte le cartelle non impugnate entro 60 giorni dalla notifica operando in questo modo una unificazione delle attuali scadenze. Ilmattino.  Attualmente le imposte locali (Imu, Tasi e Tari) hanno una prescrizione fissata a 5 anni, mentre bollo auto e violazioni del codice della strada presentano termini più ridotti: 3 anni.

Ultime da Le Brevi

Vai a Inizio pagina