Milano, aggressione con machete alla stazione centrale

in Cronaca/MAIN

Un algerino di 31 anni è stato arrestato dalla Polfer, a Milano, per il tentato omicidio di un tunisino 39enne, colpito al braccio e al volto con una mannaia da macellaio. L’episodio è avvenuto martedì, all’interno di uno dei sottopassaggi della Stazione Centrale. L’algerino, Abdel Kader Farth, grazie alle immagini riprese da alcune delle 240 telecamere di sorveglianza dello scalo milanese, è stato identificato, catturato e arrestato pochi minuti dopo, con l’accusa di tentato omicidio. L’algerino, 31enne, irregolare e con precedenti, senza fissa dimora, nel corso di un diverbio con il 39enne tunisino, improvvisamente ha estratto la mannaia e ha iniziato a colpirlo: il ferito è stato medicato all’ospedale Niguarda con oltre 50 punti di sutura soltanto sul viso. I motivi della lite sono ignoti e comunque definiti futili dagli inquirenti; con molta probabilità lo stato di alterazione alcolica di entrambi, senzatetto e frequentatori abituali della stazione, pare abbia giocato un ruolo determinante nella lite. Il ferito è stato soccorso dal 118 e, una volta medicato, denunciato perché clandestino.

Veronica D’Agostino