Trans ucciso a bastonate, i funerali dopo cinque mesi

in Cronaca/MAIN

E’ stato ucciso cinque mesi fa ma il funerale si è potuto celebrare solo venerdì. Andrea Quintero, transessuale colombiana con problemi di tossicodipendenza e senza fissa dimora, fu ucciso a bastonate, e il corpo ritrovato al binario 10 della stazione Termini di Roma.

 Ad organizzare le esequie presso la Chiesa del Gesù, in piazza del Gesù, a Roma, dopo cinque mesi dall’omicidio, è stato il Centro Servizi Volontariato del Lazio e la Caritas di Roma. La distanza di tempo tra la morte e i funerali è stata causata, secondo quanto si è appreso, dai tempi necessari alle indagini e quelli della richiesta della salma da parte dei parenti, che non c’è stata.

«Dopo quasi 5 mesi – spiega padre Giovanni La Manna, gesuita e presidente del Centro Astalli – siamo riusciti a celebrare i funerali di Andrea che ha sofferto vivendo alla stazione e subendo violenza fisica che ne ha causato la morte. Il funerale ha rappresentato un segnale per tutta la comunità romana che è distratta nei confronti dei tanti che vengono discriminati e vivono le loro difficoltà nell’indifferenza nella nostra città».

Veronica D’Agostino