Nassiriya: l’Italia ricorda i suoi caduti a 10anni dalla strage

in Cronaca/MAIN

Con un tweet Enrico Letta ricorda così il decimo anniversario di Nassiriya: “Oggi la memoria tragica di Nassiriya. Il pensiero per le famiglie dei 19 italiani e 9 iracheni che perirono. La vicinanza alle forze armate”. L’Italia intera oggi si ferma per ricordare la strage che, il 12 novembre 2003 ha visto la morte di dodici carabinieri, cinque soldati e due civili. Diciannove italiani morti nell’attentato in Iraq, ricordato come la peggiore strage di militari italiani dal dopoguerra. Sono le 10.40 (le 8.40 in Italia) del 12 novembre 2003 quando un camion sfonda la recinzione della sede della missione Msu (Multinational Specialized Unit) dei carabinieri a Nassiriya, aprendo un varco ad un’autobomba che esplode subito dopo. Muoiono 12 militari dell’Arma, cinque militari dell’Esercito e due civili. La base Maestrale è ridotta a uno scheletro di cemento. Dove c’era l’autobomba non rimane che un cratere profondo otto metri. “Quell’inferno non si dimentica” afferma Gianfranco Scalas all’Adnkronos, all’epoca addetto stampa del contingente italiano della Brigata Sassari dell’Esercito. “Io in quel momento non ero sul posto – spiega Scalas – sono arrivato dopo aver sentito, attraverso le nostre radio le voci e le urla. Mi sono precipitato alla base e ho trovato una situazione infernale. Uno scenario terribile… una macelleria”.


Oggi il ministero della Difesa celebra la “Giornata del ricordo dei Caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace”. Per l’occasione sono state organizzate una serie di iniziative commemorative alle quali prenderanno parte, oltre al ministro della Difesa Mario Mauro,  alte cariche istituzionali tra cui il Sindaco di Roma e i Vertici militari. La Giornata si apre con la deposizione di una corona di alloro all’Altare della Patria da parte del ministro della Difesa. Le celebrazioni proseguiranno con la Messa in suffragio di tutti i Caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace, celebrata nella Basilica di Santa Maria in Aracoeli al Campidoglio. A seguire, la deposizione di una corona di alloro alla Stele commemorativa al Belvedere Caffarelli in Campidoglio. Nell’ambito delle commemorazioni, alle 15.30 a Palazzo Barberini (Sala del Trono), sarà consegnata ai familiari delle vittime della strage la ‘Medaglia della Riconoscenza’.

Redazione

Ultime da Cronaca

Vai a Inizio pagina