Stop alle grandi navi a Venezia, il governo dice sì

in MAIN/Politica

Novità importanti per tutti coloro che tengono alla salvaguardia del lido di Venezia dopo la decisione del governo che annuncia uno stop graduale alle grandi navi da crociera dirette o in partenza da Venezia attraverso il canale della Giudecca. Dal 1° gennaio del 2014 scatterà il divieto di passaggio per i traghetti, con una riduzione del 25% dei transiti davanti a San Marco e del 50% delle emissioni inquinanti. Dalla stessa data è prevista la diminuzione fino al 20% (rispetto al 2012) del numero delle navi da crociera di stazza superiore alle 40mila tonnellate. Il transito sarà definitivamente precluso alle navi di stazza superiore a 96mila tonnellate dal primo novembre del 2014. Non solo: dovrà essere assicurata una riduzione dello stazionamento giornaliero massimo (non superiore a cinque navi da crociera superiori a 40mila tonnellate) e la contrazione dei passaggi residui nelle ore centrali della giornata, con concentrazione di partenze e arrivi all’alba e al tramonto.
Il vertice di Roma – convocato ieri a Palazzo Chigi e presieduto dal premier Enrico Letta con i ministri delle Infrastrutture Maurizio Lupi, dell’Ambiente Andrea Orlando, dei Beni culturali e del turismo Massimo Bray, con il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, il sindaco Giorgio Orsoni e il presidente dell’Autorità portuale Paolo Costa – ha deciso per un allontanamento a tappe delle “grandi navi” dalla laguna in attesa della definizione e realizzazione di nuova via di accesso alla stazione marittima. Si lavorerà fin da subito alla soluzione del Canale Contorta-Sant’Angelo, come nuova via di accesso, ma la valutazione di impatto ambientale di questa opzione dovrà comunque considerare anche eventuali alternative. Paolo Costa, presidente dell’Autorità portuale parla di “Ottima giornata per Venezia e per i suoi abitanti” mentre il sindaco Giorgio Orsoni  dice: “finalmente un primo stop al gigantismo in laguna. Per la prima volta il Governo è intervenuto concretamente sulla questione delle grandi navi da crociera. Quel che è importante è che si sia invertita finalmente la tendenza: basta mega crociere a due passi da San Marco”.

Redazione

Ultime da MAIN

Vai a Inizio pagina