Strage di innocenti in Iraq: Camion-bomba esplode in una scuola elementare, 14morti

in Esteri/MAIN

Una vera e propria strage di innocenti si è consumata oggi nel villaggio turkmeno di Qabak, non lontano dal confine con la Siria, in Iraq. Decine di bambini che si trovavano nella loro scuola elementare, sono stati colpiti dall’esplosione causata da un camion-bomba che è piombato nel cortile del’edificio ed è subito esploso. Il tetto dell’edificio è parzialmente crollato, e i corpi di 14 alunni non sono nemmeno stati ritrovati dai soccorritori e dai genitori che sono subito intervenuti. Morto anche il loro maestro, mentre ad altri 44 feriti si cerca di salvare la vita. Ennesima barbaria senza senso dopo che, poche ore prima,  vi era stato l’ennesimo massacro di pellegrini sciiti in un quartiere di Baghdad in cui a causa di un kamikaze sono morte 14 persone e più di 30 sono rimaste ferite. Le vittime intendevano commemorare la morte di Mohammed al-Jawad, nono imam dell’islam sciita. Erano in cammino come i loro confratelli dilaniati ieri sera in un analogo attacco suicida, costato la vita a 49 fedeli. Finora nessuno ha rivendicato gli attentati ma secondo gli osservatori la tattica usata porta ai musulmani sunniti legati ad al Qaida, da gennaio sempre più aggressivi e organizzati contro la maggioranza sciita del premier Nuri al-Maliki.

Costanza Moretti

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina