Compito in classe: l’omosessualità considerata una colpa

in Cultura

Un test un pò particolare quello che una professoressa di religione ha assegnato ad una classe al liceo classico Mariotti di Perugia, dove chiedeva ai suoi alunni di dare un giudizio da 0 a 10 alle varie “colpe” che l’uomo potrebbe macchiarsi.

In questo elenco figurava tra evasione fiscale, omicidio, infanticidio, pena di morte, anche l’omosessualità.


E in un momento così delicato come quello attuale, dove la Camera si troverà a dover votare la legge sull’omofobia, leggere un quesito del tipo “Attribuisci un voto da 0 a 10 in ordine di gravità sulle principali colpe di cui l’uomo si può macchiare” e capire dunque che l’omosessualità viene concepita come una colpa da una docente di religione, fa un pò allarmare, gli studenti prima, e l’opinione pubblica dopo.