il 18 settembre si terrà il concorso di “Miss Mondo Islamica”

in Esteri/MAIN

Arriverà la prossima settimana a Jakarta, capitale dell’Indonesia, nazione musulmana più popolosa al mondo, il concorso di bellezza dedicato alle “Muslim Ladies”. Si tratta di Miss Mondo Islamica, in lingua locale “Miss World Musliman 2013”, ed è la risposta al concorso di Miss Mondo, in calendario in questi giorni a Bali e Bogor (West Java), e che ha dato origine a feroci polemiche fra le frange estremiste della popolazione. Il primo risultato delle minacce e degli avvertimenti è stato l’annullamento della prova in bikini, per nonurtare la sensibilità religiosa della popolazione.

L’evento si terrà a South Jakarta dal 18 settembre e registrerà la partecipazione di 20 “reginette di bellezza” provenienti da sei nazioni musulmane: Iran, Indonesia, Malaysia, Brunei, Nigeria e Bangladesh. Eka Shanty, indonesiana e organizzatrice della manifestazione, spiega che il lato estetico non sarà il “fattore primario” e il solo metro di giudizio. Si guarderà, spiega, alle cosiddette tre “S”: sholehah (buona morale), smart (intelligenza), stylish (stile). Ma non vi sono dubbi, conclude, che saranno “anche belle”.

Le partecipanti sono obbligate a indossare vestiti e abiti di stile islamico, all’insegna del motto “i colori mussulmani del mondo”. Intanto continuano le polemiche attorno al più famoso concorso di bellezza, Miss Mondo, con l’intervento del ministro per gli Affari religiosi. Suryadharma Ali ha bollato come “impropria” la manifestazione, perché esula da costumi e abitudini della tradizione indonesiana. Tuttavia, dopo una serie di scontri interni – e le minacce islamiste – il governo di Jakarta ha deciso di confermare il via libera secondo il motto “lo spettacolo deve continuare”. A Bali le autorità hanno imposto rigide misure di sicurezza, stanziando polizia e reparti dell’esercito.

Costanza Moretti

 

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina