L’addio a “Il Soprano” Gandolfini, stroncato a 51 da un infarto

in Cultura

gandolfiniEra forse destino che la sua vita si dovesse concludere in Italia, visto che era diventato famoso in tutto il mondo grazie alla sua interpretazione di Tony Soprano, il boss mafioso della serie tv omonima, che gli ha fatto conquistare ben tre Emmy Award come migliore attore. James Gandolfini è morto a Roma, mentre si trovava in vacanza, all’età di 51 anni stroncato da un infarto. Nato nel New Jersey da genitori italoamericani, Gandolfini era in vacanza in Italia dove, il prossimo fine settimana, era atteso a Taormina al Festival del Cinema per una tavola rotonda a cui parteciperà anche il regista Gabriele Muccino. A confermare la notizia della sua morte i suoi agenti mark Armstrong e Nancy Sanders, che con immenso dolore lo ricordano come “uno di famiglia, che sapeva farsi voler bene da tutti, con la sua figura corpulenta e bonaria”. Un volto che è entrato nelle case di tutto il mondo, grazie alla popolare serie tv “Il Soprano”, mandata in onda dalla HBO, dal 1999 al 2007. Con la stessa casa cinematografica l’attore stava lavorando a una nuova serie intitolata “Criminal Justice”. Prima del successo ottenuto con questa serie, Gandolfini aveva iniziato la sua carriera cinematografica nel 1992. Lo si ricorda anche in “Zero Dark Thirty”, il film che racconta la caccia a Osama Bin Laden e “The Incredible Burt Wonderstone”, mai uscito in Italia. Sposato in seconde nozze con l’hawaiana Deborah Lin, l’attore lascia due figli, di cui uno avuto dalla prima moglie Marcy Wudarski.

Ultime da Cultura

Vai a Inizio pagina