Russia, in fiamme un ospedale psichiatrico

in Esteri/MAIN

Redazione Esteri

Un incendio, divampato in un ospedale psichiatrico, ha provocato la morte di almeno 38 persone. L’incidente è avvenuto nella nottata a circa 50 km a sud dalla capitale russa. Secondo le fonti, sarebbero sopravvissute solo tre persone di cui due sono pazienti che erano ricoverati presso l’ospedale. Quando le fiamme si sono sviluppate i pazienti, che nella maggior parte erano sotto l’effetto dei sedativi, stavano dormendo. Per cercare di salvare la struttura ospedaliera, diversi membri del personale, in servizio di notte, hanno tentato di domare le fiamme tramite un estintore. Ogni sforzo è stato vano, infatti, molti pazienti, tra i quali anche diversi tossicodipendenti ed alcolisti, sono morti per soffocamento a causa dell’esalazione dei fumi prodotti nella combustione. Questi hanno tentato la fuga ma sono stati ostacolati anche dalla presenza delle sbarre poste sulle finestre. Sono ancora ignote le cause dell’incendio anche se all’origine del grave incidente si ipotizza un cortocircuito, anche se gli inquirenti, che stanno seguendo le indagini, non escludono la possibilità di un gesto doloso.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina