Algeria, quattro clandestini gettati in mare

in Esteri

Redazione Esteri

Lo scorso mercoledì 17 ottobre, a Guardia Costiera algerina ha ripescato dal mare quattro uomini provenienti dall’Africa occidentale. I clandestini si nasconsero all’interno di una nave che stava andando verso l’Europa, ma, quando l’equipaggio scoprì i clandestini a bordo, non si fece scrupolo nel gettarli in mare. Questo è quanto racconta la testata “El Watan”, Mrcoledì 17 Ottobre 2012. Si nascosero in una nave che ha preso la direzione dell’Europa. Quando l’equipaggio hanno scoperto quattro illegale sono stati gettati in mare.

Gli uomini, provenieri dalla Sierra Leone, Guinea e Nigeria, non avevano neanche 30 anni. All’inizio del mese di settembre, i quattro, mentre lavoravano nel porto di Lomé, si imbarcarono clandestinamente. Circa per due settimane, questi rimangono nascosti nella stiva, fino a quando, un giorno, durante il tentativo di trovare cibo, sono stati identificati ed arrestati dall’equipaggio.

Il capitano della nave ha fatto scalo a Casablanca, ma le autorità marocchine hanno richiesto all’equipaggio di sostenere le spese di rimpatrio. Il capitano si rifiuta così di pagare, e, successivamente, ha chiesto ai suoi marinai di costruire una zattera su cui abbandonare in mare i clandestini. I marinai, però, hanno costruito una zattera troppo debole per resistere alla violenza delle onde, per questo motivo, i quattro uomini ha trascorso più di 48 ore in acqua, aggrappati a barili di metallo.

Le Guardie Costiere algerine, li hanno ripescati e li hanno trasferiti in ospedale. Oggi, i quattro uomini sono in buona salute, ma sono bloccati in Algeria a causa per la mancanza di documenti. Le autorità algerine stanno facendo tutte le procedure per rimpatriarli nei loro rispettivi paesi.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina