MOVIMENTO STUDENTESCO NAZIONALE: TUTELIAMO LE ECCELLENZE, MA GARANTIAMO FORMAZIONE DI TUTTI

in Le Brevi

“Ci lascia alquanto perplessi l’atteggiamento del Ministro Profumo rispetto alla riforma che inciderà sul mondo della scuola. E’ inaccettabile che su temi importanti come quelli affrontati, il Ministro abbia sia scelto di non coinvolgere e non interloquire con le associazioni studentesche. La proposta del ministro, ovvero quella di premiare “lo studente dell’anno”, sarebbe di poco conto se non viene inserita in un nuovo percorso formativo che coniughi il valore del merito con quel concetto di comunità alla base dell’esperienza scolastica. In più crediamo, che sarebbe più utile che tale premio non debba essere relegato ad un mero fattore economico, ma debba puntare ad uno spirito solidale, identitario e sociale affiancando il percorso formativo scolastico a quello più umanitario. Per noi, infatti, le vere eccellenze sono tutti quegli esempi di uomini che primeggiano non solo nel lavoro, ma anche nella vita privata diventando esempi di umanità e di solidarietà”.

E’ quanto dichiarano in una nota Gianfranco Manco e Andrea Moi, dirigenti nazionali del Movimento Studentesco Nazionale.