Respinto il referendum sulla Legge Elettorale

in Politica

I giudici della Corte Costituzionale hanno dichiarato infatti inammissibili tutti e due i quesiti referendari relativi alla abrogazione, totale o in alcune parti, della legge elettorale attualmente in vigore.

Insomma, niente referendum per abolire la legge elettorale che ha causato danni infiniti al Paese, creando una classe dirigente cooptata dai vertici e non eletta con preferenza.

Scoppia la polemica con in testa Antonio di Pietro che parla di scempio della democrazia e di rischio di regime. Ora la palla passa, evidentemente al Parlamento, che dovrà fare le sue proposte.