Kazakistan, prolungato stato emergenza

in Esteri

Nursultan Nazarbaiev, attuale presidente del Kazakistan, ha prolungato fino alla fine del mese di gennaio lo stato d’emergenza nella città di Zhanaozen, località che è stata al centro di scontri tra lavoratori del settore petrolifero in sciopero e forze di sicurezza governative. Le tensioni in piazza hanno provocato almeno 16 vittime. Grazie a questa situazione, il presidente ha imposto il coprifuoco, disposizione primaria dello stato di emergenza. La proroga finirà il 31 gennaio e, fonti governative, non spiegano le motivazioni di questa decisione.